jump to navigation

Mi sono rotto l’iCazzo mercoledì 16 luglio 2008

Posted by Stefano Petroni in Apple Inc., Hardware, Inutility, Italia, News, Pensieri, Riflessioni, Scienza e Tecnologia, Vaccate.
Tags: , , , , ,
trackback

riflessi by Air Force One, on Flickr

riflessi by Air Force One, on Flickr

Sì avete capito bene mi sono rotto l’iCazzo di sentir parlare dell’iTelefono. Che se ne parli bene o se ne parli male mi sono scocciato…

Non ce l’ho con nessuno in particolare ma il risultato non cambia l’iTelefono mi ha rotto l’iCazzo.

Mi hanno rotto le palle quelli che lo difendono a spada tratta negando gli evidenti difetti.

Mi hanno rotto le palle quelli che lo devono attaccare ma non riescono a farlo con argomenti seri.

Mi hanno rotto sopratutto le palle quegli iDioti che organizzano petizioni on-line per far abbassare il prezzo dell’iCoso perché altrimenti l’iFamiglia iTaliana non se lo può permettere. Rendetevi conto che le famiglie iTaliane hanno ben altro a cui pensare che comprarsi l’iCoso.

Hanno intervistato gente di fronte gl’iNegozi in fila da ore per prenderla iNculo che si lamentavano di non arrivare a fine mese ma che per l’iCoso i sacrifici si fanno… mi fate iSchifo e lo prenderete iNculo due volte perché sono pronto a scommettere che entro fine anno i prezzi scenderanno.

Rendiamoci conto che per quanto pieno di tecnologia all’avanguardia, sotto certi punti di vista bello ma pieno di difetti (defective by design) quell’oggetto è solo un telefono. Magari fa anche il caffé ma sempre uno strumento rimane. Non si può idolatrarlo o fare debiti per averlo… è fuori di ogni logica… non è un bene di prima necessità.

Siamo impazziti…

About these ads

Commenti»

1. sheldonpax - giovedì 17 luglio 2008

Ste’, se facesse anche il caffè prenderei un altro Nokia. ;-)

2. Silvano - giovedì 17 luglio 2008

Il problema è di tipo “culturale”, nel senso di mancanza di cultura. Francamente non so se la storiella delle tribù africane che davano oro in cambio di perline colorate sia verità o leggenda, ma è certo che noi italiani siamo così: abbagliati e affascinati dalle perline colorate.

Un mio parente pochi giorni fa si è autodefinito “ipertecnologico” perché ha un “enne-95″.

Quando all’oculista ho parlato delle mie lenti a contatto a uso continuo è cascato dalle nuvole e mi ha chiesto cosa fossero.

Gli italiani identificano come “tecnologico” solo qualcosa che “luccica” e “fa casino”. Così il telefono, un’invenzione che ha più di cent’anni, nella sua versione moderna che luccica e fa casino è il non plus ultra della tecnologia. La scienza dei materiali, che oggi mi permette di vedere bene fin dal risveglio, giorno e notte, senza dover usare gli occhiali, grazie a un materiale che esiste solo da otto anni, non viene identificata come “tecnologia” e un medico che si suppone dovrebbe passare almeno metà del suo tempo a studiare cosa accade nel suo campo, ne era invece completamente all’oscuro.

Perché i nostri politicanti incentivano la televisione digitale e non Internet? Perché la versione moderna di un’invenzione di oltre cinquant’anni fa la capiscono, perché considerano “innovazione” avere mille canali, perché la televisione digitale luccica e fa casino…

Come popolo, oggi (dico “oggi” perché non è stato sempre così), non ci meriteremmo nemmeno di avere l’energia elettrica…

3. Silvano - giovedì 17 luglio 2008

Addendum:

Come popolo, oggi (dico “oggi” perché non è stato sempre così), non ci meriteremmo nemmeno di avere l’energia elettrica…

…e infatti ogni tanto i francesi ce la staccano… :-)

4. milky - giovedì 17 luglio 2008

Standing ovation per il Petroni!

il tuo post e’ mitico!!!!

ciao
Monica

5. milky - giovedì 17 luglio 2008

ps

l’iCoso e’ stato messo in vendita il 11 luglio e il 12 gia’ sono iniziati ad arrivare i reclami!!!!!

mah!

ciao
Monica

6. Gadzilla - giovedì 17 luglio 2008

Sei un Grande!!!

7. sheldonpax - giovedì 17 luglio 2008

@milky che reclami? (dimmelo anche in privato). comunque qualche difetto di costruzione ci può stare adesso che è appena uscito. Anche per questo non ho alcuna fretta di prenderlo.

8. drrex - giovedì 17 luglio 2008

Bellissimo post! La gente che si lamenta perché non arriva a fine mese ma poi ha i soldi per comprarsi l’iCoso o i cerchi in lega per l’auto proprio non la sopporto.

9. damix - giovedì 11 settembre 2008

Mi aggiungo (in ritardo) al coro degli apprezzamenti. Questo post è superbo! Grande! Mi sta proprio sulle iBalls la gente che non arriva a fine mese ma poi è sempre a fare viaggi e a sputtanare soldi!

Purtroppo già da qualche anno si è diffusa la cultura del “paghi tra 1 anno”, anche per i prodotti assolutamente iNessenziali, come stereo e viaggi. Sinceramente l’idea di chiedere un prestito per andare in vacanza alle Maldive mi sembra rivoltante, considerato anche che invece ci sono famiglie che devono chiedere un prestito per motivi seri.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 889 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: