jump to navigation

NASA Johnson Style sabato 15 dicembre 2012

Posted by Stefano Petroni in Humour, NASA, Scienza e Tecnologia, Video, YouTube.
Tags: , , , ,
add a comment

EYYYYYY science daily!
NA, NA, NA, NA, NASA STYLE!
EYYYYYY it’s amazing!
NA, NA, NA, NA ey ey ey ey ey ey!!
NASA Johnson Style

Annunci

Su Plutone con New Horizons lunedì 12 settembre 2005

Posted by Stefano Petroni in Astronomia, NASA, Questo Blog, Scienza e Tecnologia, Spazio.
Tags: , , , ,
add a comment

Questo post è stato pubblicato originariamente
il 12 settembre 2005
sul vecchio blog Akralaya’s Blog

La missione NASA esplorerà i dintorni del pianeta più lontano del sistema solare portando con sé i nomi di tutti coloro che lo desiderano.

Nel 1930 l’astronomo americano Clyde Tombaugh dell’osservatorio di Lowell scopriva Plutone. Settantacinque anni dopo, la NASA celebra l’evento con una rivoluzionaria missione verso Plutone e la fascia di Edgeworth-Kuiper.

Lo scopo della missione “New Horizons” (http://pluto.jhuapl.edu/) è quello di approfondire la conoscenza dei cosiddetti “nani di ghiaccio“, vale a dire quei corpi celesti di piccole dimensioni concentrati nella Cintura di Kuiper, situata ai margini del nostro sistema solare. Plutone è la più grande di queste creature. Mentre dei pianeti rocciosi (Terra, Venere, Mercurio e Marte) e dei giganti gassosi (Giove, Saturno, Urano e Nettuno) disponiamo di una conoscenza più approfondita, lo studio dei corpi ghiacciati è ancora in fase embrionale. New Horizons vuole andare a colmare questa lacuna.

A rendere ulteriormente memorabile la missione sarà un CD installato a bordo della sonda, contenente i nomi di tutti coloro che si sono registrati (gratuitamente) sul sito http://pluto.jhuapl.edu/ecard/ entro il 15 settembre 2005. Al termine del processo di registrazione sarà possibile stampare un certificato personalizzato.

Non sarà un’avventura spaziale vera e propria come quella promessa da avveniristiche agenzie di viaggio a facoltosi avventurieri ma, per chi si accontenta, può essere l’occasione per varcare virtualmente i confini dell’orbita terrestre e arrivare “là dove nessun uomo è mai giunto prima“. Il tutto senza dover sborsare milioni di euro.

La sonda sarà lanciata tra gennaio e febbraio 2006 e il suo arrivo dalle parti di Plutone è previsto attorno a luglio 2015.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: