jump to navigation

Pannelli fotovoltaici, perchè non sui tetti degli edifici pubblici? lunedì 19 febbraio 2007

Posted by Stefano Petroni in Ambiente, Italia, Politica, Scienza e Tecnologia.
trackback

Pannelli fotovoltaiciFaccio mie le osservazioni e la proposta che M1979 fa sul suo blog approposito del risparmio energetico e dei pannelli fotovoltaici.

Prendendo spunto dalla giornata del risparmio energetico (m’illumino di meno) M1979 fà notare come tra i vari consigli su come risparmiare energia c’è quello di usare i pannelli solari o meglio ancora i pannelli fotovoltaici. Questi sono dei dispositivi in grado di convertire l’energia solare direttamente in energia elettrica mediante effetto fotovoltaico. Sembrerebbe il classico uovo di Colombo l’Italia è il paese del sole, no?

I principali vantaggi derivanti dall’installazione in ogni casa dei pannelli fotovoltaici sarebbero:

  1. Risparmio sulla bolletta. In caso di produzione in eccesso l’energia questa viene venduta al gestore e si guadagna qualcosina;
  2. Risparmio ambientale. No a nuove centrali, meno petrolio / gas / carbone consumati;
  3. Meno energia importata dall’estero. Il sole è li a nostra disposizione. Gratuitamente;
  4. Maggiore autonomia dell’Italia in ambito internazionale;

C’è il rovescio della medaglia però. I pannelli fotovoltaici hanno ancora un costo molto elevato specialmente per un privato. Si calcola che i costi si dovrebbero ammortizzare in 10/20 anni, anche se la favorevole situazione climatica italiana potrebbe permettere al beneficiario di rientrare dei costi entro il decimo anno.

La domanda che pone M1979 è semplice: perché lo stato non fa dotare gli innumerevoli edifici pubblici di pannelli fotovoltaici? Il risparmio di energia, di costi e alla fine di tasse per noi cittadini sarebbe rilevante. Si potrebbe partire pian piano dalle regioni del sud (lì l’irraggiamento solare è maggiore rispetto al nord e i costi si ammortizzerebbero prima) per poi continuare verso il nord.

Quanto si risparmierebbe coprendo il tetto di una scuola di pannelli fotovoltaici? Le scuole sono utilizzate prevalentemente di mattina, il pomeriggio è aperto solo qualche ufficio e d’estate chiudono per circa tre mesi (proprio quando l’irraggiamento solare è massimo). Tutta questa energia potrebbe essere reimmessa nella rete e con i soldi guadagnati i presidi potranno comprare computer, libri per biblioteca, fare ristrutturazioni ecc…
Penso sia proprio il caso di sviluppare quest’idea.

Annunci

Commenti»

1. m1979 - martedì 20 febbraio 2007

Grazie per avermi inserito nel tuo blogroll, ho ricambiato!:-))
sono contente che anche tu la pensi come me, allora ho avuto proprio una bella idea!

2. Sheldon Pax - martedì 20 febbraio 2007

Qualche comune l’ha già fatto, non solo con i fotovoltaici ma anche con i pannelli solari termici nelle strutture sportive (acqua calda per le docce)

3. m1979 - martedì 20 febbraio 2007

Bravi a quei enti comuni, ma non fermiamoci solo con “quelli”…magari con un pò più di incentivazione da parte dello stato e un pò più pubblicità da parte nostra…

4. Stefano Petroni - mercoledì 21 febbraio 2007

@m1979: Grazie a te!

5. pietrogallo - venerdì 9 marzo 2007

Avete conoscenza di qualche sito che tratta in dettaglio il fotovoltaico? Produttori, modelli, etc.?
Pietro

6. Manuel - giovedì 3 maggio 2007

Mi permetto di intervenire in quanto lavorando in uno studio di progettazione e occupandomi di progettazione elettrica,la situazione è questa, L’installazione dei pannelli fotovoltaici è ancora molto costosa intorno ai 25000€ in una abitazione civile, viene adottata principalmente per risparmiare nei condomini e nei residence, però per una questione sempre economica i pannelli fotovoltaici vengono installati a servizio delle “zone condominiali comuni” (le scale, i vani ascensore ecc)
E oltretutto ciò che ostacola la loro diffusione è l’enel che non è ancora stata in grado di mettere a punto un contatore adeguato(ora enel ti installa un contatore detto “reversibile” che misura l’energia prodotta e anche quella assorbita calcolando la differenza) cosi che pannelli permettono di vendere l’energia che produci..solo che i soldi che ci si guadagna non possono essere utilizzati come uno vuole..ma vengono semplicemente detratti dalla bolletta Enel…ecco perchè in scuole o edifici pubblici non vengono messi Si tratta du un rallentamento dovuto a Enel!!!

7. Stefania - giovedì 14 giugno 2007

X Manuel,
visto che sei del settore, potrei chiederti se nel caso in cui si istallassero dei pannelli nel terrazzo soprastante un appartamento, questi potrebbero provocare un surriscaldamento o altri effetti negativi all’appartamento sottostante?

Grazie mille, Stefania

8. Manuel - lunedì 18 giugno 2007

X Stefania

La risposta è No…non dovrebbero causare nessun problema di surriscaldamento…chiaro che sarebbe un po’ difficile la parte realizzativa…cioè…se installi dei pannelli FOTOVOLTAICI cioè che ti producono energia elettrica sarebbe scomodo perchè questi pannelli solitamente di dimensioni circa di 1,5m x 2,5m devono essere dotati di un Quadro elettrico a bordo macchina diciamo abbastanza ingombrante anch’esso…questo quadro perchè i pannelli producono corrente CONTINUA quindi richiedono un “quadro di trasformazione”, poi avrai anche una struttura metallica che in base all’inclinazione può variare di dimensioni..se invece vuoi installare dei pannelli SOLARI destinati al riscaldamento dell’acqua sanitaria…è più semplice perchè si tratta di mettere giù un paio di tubi e una pompa elettrica…io consiglio di installarli sul tetto…perchè purtroppo hanno delle dimensioni importanti…e comunque non preoccuparti perchè entrambi non producono surriscaldamento perchè devono essere montati su una struttura metallica che lei stessa garantisce anche un isolamento termico dal piano!

9. Manuel - lunedì 18 giugno 2007

Io ho parlato di problemi di spazio perchè hai parlato di terrazzo…però se il terrazzo è bello grande non hai problemi!!!
Spero di esserti stato utile…se hai altre domande puoi scrivermi qui! Oppure se vuoi scrivimi qui calderonimanuel85@libero.it

10. Lorenzo - venerdì 2 novembre 2007

Ma a quanto ammonterebbe il risparmio annuo, poniamo per una scuola di medie dimensioni?

11. Manuel - lunedì 5 novembre 2007

Allora Lorenzo prendi in considerazione questi dati “modello” un pannello fotovoltaico di potenza pari a 2 kWp(chilowatt di picco), che costa dai 15000 ai 20000€ ed occupa una superficie circa di 16mq(le dimensioni e i costi variano in base al produttore)produce in un anno circa 2500kW/h e tenendo presente che il consumo medio di energia elettrica di una famiglia va da 3000 a 4.000 kWh/anno non ti posso dire che spenderai la metà in energia elettrica, perchè i primi 15 anni, il risparmio non farà altro che ammortizzare la spesa dei pannelli!!
Identificare un risparmio economica non è facile, ti consiglio comunque di fare un salto sul sito enel e cercare il “conto energia” dove sono anche indicati i prezzi adottati da enel che detrarrà dalla bolletta per “acquistarti” energia prodotta dai tuoi pannelli.

12. Stefano Petroni - giovedì 22 novembre 2007

Manuel, questo tipo di pannelli quanto sono delicati? Ed in media, quanto velocemente si usurano e vanno sostituiti?

Ti spiego, ho casa fuori in montagna e ci vado solo d’estate. I pannelli mi consentirebbero un bel risparmio pero’ d’inverno tra pioggia, neve e grandine ho paura che i pannelli ne possano risentire.

13. FARALLO CARMINE - lunedì 21 giugno 2010

Io non credo tanto al risparmio energetico visto che il finanziamento lo deve fare il propietario dell’immobile dove installare, avere una rata mensile da pagare, puo recuperare se i pannelli forniscono abbastanza energia da soddisfare l’immobile e il restante da vendere all’enel, e se l’energia risparmiata e quella venduta riesce a soddisfare il costo della rata mensile. Poi come parlano i venditori si riesce a guadagnare circa il quindicesimo anno, ma dopo dieci anni i pannelli non accumulano piu energia elettrica come il primo anno, poi ci sta la questione che i pannelli dopo il ventesimo anno vanno in esaurimento e non si sa niente per lo smaltimento di tali, puo costare forse il costo dell’istallazione iniziale, ma valutate un po voi

14. Bruno donati - domenica 29 maggio 2011

Ho un piccolo pannello fotov. che nelle ore più calde e soleggiate non produce elettricità(o è ridotta).Quale può essere il problema? Come risolvere? Grazie

15. fotovoltaico - lunedì 3 febbraio 2014

Installarli anche sugli edifici pubblici è un ottima idea.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: